Come scegliere il vino

Come tutte le enoteche di rispetto, anche quella di Vino-sfuso.com possiede un ottimo Sommelier, pronto a consigliare l’abbinamento adatto per ogni tipo di cibo.. dalla carne al pesce, dall’antipasto al dolce. Quindi per aiutare il visitatore nell’acquisto vini e il produttore nella vendita vini, il nostro Sommelier passerà in rassegna i principali prodotti italiani, illustrando caratteristiche di ognuno.

E’ importante “capire” questo prezioso prodotto della terra aiutandoci con diverse caratteristiche organolettiche come il colore, la limpidezza, la densità, il profumo, l’aroma e il sapore.

Degustazione vini rossi

Per le prime tre caratteristiche sarà il nostro occhio a fare da giudice, concorrendo all’esatta ricezione delle diverse sfumature di colore che il nostro vino acquisirà nel tempo. Di seguito le scale cromatiche di base:

Vini rossi: viola – rubino – arancio – porpora – granata – mattone (negativi: marrone che tende al giallo, rosso che tende al blu).
Vini bianchi: verde acqua – giallo oro – ambra – oro vecchio – carta – paglia (negativi: bruno, ambra scuro).
Vini rosati: cerasolo – rosa – cremisi (negativi: arancio, marrone).

Per quanto riguarda la limpidezza, il vostro vino acquistato potrà essere luminoso, lucente, brillante o terso. Fattori negativi sono segnalati da un aspetto feccioso, torbido o velato (con qualche eccezione).
Anche la densità può essere un fattore importante per la classificazione di un vino; normale, fluido o scorrevole sono i principali aspetti che si potranno evidenziare in un buon prodotto, mentre da evitare saranno sicuramente prodotti con un aspetto denso, viscido o oleoso.
L’olfatto ci verrà invece in aiuto nel momento in cui andremo a valutare profumo e aroma (importantissimo per quanto concerne l’acquisto di vino e usatissimo nelle aste vini); il bouquet si avrà nei grandi vini bene invecchiati (insieme meraviglioso di tanti delicati profumi) mentre il goudron è tipico dei grandi vini rossi più nobili, bene invecchiati e completi (si sprigiona infatti un inconfondibile profumo che richiama gli olii essenziali del catrame). Ricordiamo comunque che gli stimoli sensoriali avvertiti dall’uomo, possono essere attribuiti a stimoli olfattivi più profondi, sottili, aiutati ed integrati dalla vista, dall’immaginazione in modo tale da far sembrare sapori veri e propri anche sensazioni percepite nell’aria per via orale e nasale (ricordiamo il “gusto di vaniglia” che in realtà è solo un profumo o il “gusto di cuoio” che in realtà nessuno ha mai assaporato).
L’altro importante fattore che pregiudica un buon vino è naturalmente il sapore, che insieme all’odore ci aiuterà a determinare il gusto. In questo caso saranno le nostre papille gustative e i recettori tattili delle mucose orali e faringee ad aiutarci nel nostro obiettivo, che, collegate con il nostro cervello riusciranno a sentenziare l’importante classificazione. Tuttavia è giusto lasciare un pò di spazio anche al tanto enunciato retrogusto, che è una sorta di gusto finale del vino, un insieme di sensazioni olfattive (dirette se provocate mediante l’inspirazione o indirette se provocate mediante l’espirazione) e saporifere.

Analisi sensoriale vini sfusi

Una volta acquisite le conoscenze di base per la classificazione di un vino è possibile essere più consapevoli, potendo acquistare vino con tutte le caratteristiche volute o valutare al meglio le offerte speciali messe a disposizione periodicamente. Acquistare vino online attraverso Vino-sfuso.com non è mai stato così semplice ed economico, ma soprattutto salutare, sicuri della qualità delle uve, attraverso un sistema di feedback che riuscirà a classificare in termini di qualità ogni vino bianco o rosso presente nel nostro store. Il “wine shopping” è un fenomeno che si sta espandendo sempre più sulla rete e Vino-sfuso.com sta sicuramente contribuendo a questa espansione.